Domande e risposte sull'autolesionismo

E' vero che la soluzione a questi mali è l'amore? – Maria*, 23 anni

Salve, mi chiamo Maria e ho 23 anni. E' quasi un anno che sono entrata nel tunnel dei DCA, e da Luglio ho iniziato, o meglio ricominciato a tagliarmi... la prima volta che mi sono autoferita risale all'età di 13 anni a seguito di un atto di bullismo subito, ma poi cambiando ambiente non mi graffiai più fino a qualche mese fa in cui ho iniziato a tagliarmi. Se non avessi paura di essere scoperta, probabilmente mi taglierei sempre e ovunque non limitandomi solo alle caviglie e alle braccia. Lo so è assurdo, ma sento che tutto quel dolore lo merito, mi da un senso di liberazione, mi fa dimenticare delusioni e la mia incapacità di vivere. Delle volte mi fa sentire che non ho bisogno che nessuno mi sia vicino... molte volte mi taglio la sera per dormire... mi piace sentire il dolore, quasi mi culla.

Ciò che vorrei chiedere è se davvero un giorno tutto questo potrà finire. Io ora non so se voglio fermarmi, perchè andrei nel panico, senza la mia lametta, perchè è l'unica che mi conforta. Riuscirò a fermarmi io da sola, o è vero che la soluzione a questi mali è l'amore? Perchè se è così io mi arrendo, poiché non l'amore non ci credo più e non aspetto nessuno... basta illusioni!
 

 

Vorrei smetterla di tagliarmi le braccia e le gambe - Sabrina*, 14 anni

Ciao, sono Sabrina, ho 14 anni e mi taglio da quasi 1 anno. Ho un problema e vorrei uscirne pero non so come. I miei genitori non lo sanno. Quando mi succede di tagliarmi con la lametta sui polsi e sulle gambe mi faccio uscire sangue e mi sento bene. Se lo faccio è perche sono agitata e ricevo dei dispiaceri e sono quasi sempre triste, alcune volte penso di morire ed di non farcela a stare in questo mondo e finito di tagliarmi mi sento meglio. Gli altri non sanno niente che soffro di sta depressione, se si può chiamarla cosi, sono una ragazza che non dice sempre come sta e gli altri pensano che io stia bene che non ho disturbi di sto genere. Io adesso vi ho scritto questo solo per raccontare a qualcuno i miei problemi e guarire da questa situazione, se potete aiutarmi vi sarei grata. Grazie per avermi ascoltata.

 

 

Una doppia vita - Fabiola*, 18 anni

 

Mi ritengo una ragazza fortunata! Ho una famiglia che mi ama, amici che mi adorano, sono abbastanza tranquilla con tutti, non mi ammazzo di studio ma non sono mai stata bocciata, e sono la classica festaiola un po’ viziata. Molti mi dicono che mi invidiano perché vista da fuori la mia vita sembra perfetta! Eppure faccio finta che tutto vada bene. Ho iniziato con degli attacchi di panico, e da li una serie di cose! Vedevo in tutto solo l'aspetto negativo delle cose, avevo paura che mi venissero gli attacchi perché mi rendevo conto che perdevo totalmente il controllo. Fu li che iniziai a procurarmi i primi graffi, i primi tagli! Ovviamente i miei non sanno tutto questo, sanno solo delle crisi! Mi rendo conto che ormai non riesco più a sentire niente! nel senso che sono apatica! Sono passiva ad ogni tipo di emozione! Continuo a tagliarmi perché è l'unico momento in cui il dolore fisico supera quello interiore, mi taglio perché riesco a sentire qualcosa, perché arrendermi non è abbastanza!

 

 

Confidarsi o nascondersi? - Federica*, 14 anni

 

Sono una ragazza di 14 anni e mi ferisco da qualche mese, la mia peggior paura è che qualcuno possa scoprire quello che faccio, me ne vergognerei troppo. Secondo voi è bene che questo comportamento rimanga segreto o dovrei tentare di parlarne con le persone care?

 

 

I miei genitori sono preoccupati ma non so che fare - Giorgia*, 14 anni

 

Ho 14 anni e da qualche mese ho la necessità di tagliarmi le braccia con le lamette, prima solo sul dorso adesso anche nella parte inferiore del polso. La notte non dormo, ho spesso crisi di panico, non mi piaccio, non ho voglia di studiare ne di fare nulla. I miei genitori hanno iniziato a mandarmi da uno psicologo, mia madre fruga tra le mie cose e mi butta le lamette che io riesco sempre a procurarmi. I miei genitori sono preoccupatissimi ma io non riesco a farne a meno. Cosa devo fare? mi sento insicura, incapace di parlare, sto facendo la scuola che ho fortissimamente voluto anche se i miei genitori erano contrari e ci sono state lunghe e penose discussioni.  Adesso non so se mi piace e se sono in grado di portare a termine quello che ho deciso di fare, inoltre credo di essere bisex e so che i miei non approverebbero. Non so nemmeno se voglio smettere di farmi del male.

 

 

Pagina 3 di 6

«InizioPrec.123456Succ.Fine»
If you want a professional and reliable web hosting service, read this fatcow review and your search will end here.